GIUSEPPE MELISSANO SEG. GEN. FP CISL PUGLIA: “I VERI VACCINI SONO GLI OPERATORI SANITARI”

Condividi :)

Facebook
Google+
http://www.cislfppuglia.it/2021/01/22/giuseppe-melissano-seg-gen-fp-cisl-puglia-i-veri-vaccini-sono-gli-operatori-sanitari/">
Twitter

“I veri vaccini sono gli operatori sanitari. Già quelle persone che dotate di intelligenza e professionalità specifica non hanno permesso al virus di auto replicarsi. Oltre 60.000 in Puglia, tra pubblico e privato attenti e preparati anche in tempi in cui non si conosceva ma si valutava il rischio di contagio e contaminazione. Eppure in alcune strutture il Covid-19 è penetrato ed ha fatto danni, ma nella quasi totalità di queste si tratta di reparti aperti (pronto soccorso, medicina ecc.) ed RSA dove considerato il tipo di assistenza, in prima battuta (quando non si conosce bene il virus) si abbassa la guardia.”
“Se pensiamo – spiega Giuseppe Melissano Segretario Generale FP CISL Puglia – invece ai reparti altamente specialistici e a quelli che hanno gestito quel paziente, lì i casi sono stati veramente pochi. I famosi reparti COVID, le terapie intensive, Pneumologia, Malattie Infettive hanno fatto la differenza, ed è lì che si è detto no alla divulgazione del contagio. Gli applausi del personale ai tanti dimessi dai reparti danno la prova della partecipazione attiva ed umana di un’assistenza, una struttura sanitaria che, ha veramente preso in carico il paziente e non solo la malattia. Bè tutto questo ci deve far pensare. Immaginare una nuova frontiera non fatta di tecnicismi e protocolli ma di persone, professionisti che di concedono alla professione mettono in campo la propria persona per custodire e curare il prossimo allo stesso modo in cui si presta attenzione per se stesso. Questo è un principio che non vale solo per chi abbraccia la fede del cristianesimo ma, a questo punto, anche per questa parte di mondo scientifico. Su questi temi, facendo tesoro delle criticità di questo periodo, richiamo i politici a prestare maggiore attenzione e i governati pugliesi a confrontarsi con le parti sociali, per mettere in campo azioni e comportamenti che prevengano e migliorino la qualità delle prestazioni. In primis per dare soluzioni alle carenze di organico, di strumentazione, salvaguardando la sicurezza di operatori e cittadini.”

Condividi