Cgil Cisl Uil chiedono un incontro a Conte: “Occorrono modifiche al Decreto Rilancio. Ecco le priorita’ del sindacato per un patto per la crescita e lo sviluppo”

Condividi :)

Facebook
Google+
http://www.cislfppuglia.it/2020/06/05/cgil-cisl-uil-chiedono-un-incontro-a-conte-occorrono-modifiche-al-decreto-rilancio-ecco-le-priorita-del-sindacato-per-un-patto-per-la-crescita-e-lo-sviluppo/">
Twitter

Le Segreterie nazionali di CGIL CISL UIL si sono riunite a Roma ed hanno deciso di richiedere un incontro al Presidente del Consiglio, con il duplice obiettivo di esplicitare, da un lato, le modifiche e i miglioramenti da apportare al decreto Rilancio, in discussione in Parlamento, a partire dalla proroga del blocco dei licenziamenti e del prolungamento degli ammortizzatori sociali e del sostegno al reddito, oltre alla certezza della ripresa dell’attività scolastica in sicurezza.

Dall’altro, CGIL CISL UIL rivendicano la realizzazione di un progetto condiviso e di un protocollo d’intesa con la partecipazione tutte le forze sociali e produttive per la crescita e un nuovo sviluppo del Paese.

Le priorità su cui agire sono le seguenti:

• Lo sblocco e la definizione di nuovi investimenti per realizzare le necessarie infrastrutture materiali e immateriali, comprese le reti digitali

• Una riforma fiscale complessiva a partire dal contrasto all’evasione

• La definizione di una nuova politica industriale e di sviluppo eco sostenibile, anche con l’utilizzo delle risorse messe a disposizione dall’Unione Europea per un nuovo modello di sviluppo che individui i settori e le attività strategiche per la crescita del Mezzogiorno e del Paese e per un’occupazione stabile e di qualità

• Riforma degli ammortizzatori, politiche attive e contrasto alla precarietà

• Il rafforzamento delle politiche sociali – a partire da una legge sulla non autosufficienza -, dell’istruzione, della formazione, della sanità e della previdenza, con la conseguente valorizzazione del lavoro pubblico, da un lato, e delle pensioni dall’altro.

• Il rinnovo dei CCNL pubblici e privati, e conseguente detassazione degli incrementi contrattuali.

Condividi