Coronavirus. CISL FP, lavoratori non possono essere sacrificati. Bisogna arrivare a protocolli ad hoc con ministeri P.a e Salute

Condividi :)

Facebook
Google+
http://www.cislfppuglia.it/2020/03/19/coronavirus-cisl-fp-lavoratori-non-possono-essere-sacrificati-bisogna-arrivare-a-protocolli-ad-hoc-con-ministeri-p-a-e-salute/">
Twitter

(ANSA) – ROMA, 19 MAR – I lavoratori pubblici “non possono
essere sacrificarti, come oggi avviene, in nome dell’emergenza”. Così il segretario generale della Cisl Fp, Maurizio Petriccioli, che prosegue: “Sosteniamo l’azione delle confederazioni affinché, nelle prossime ore, si propongano due specifici protocolli al ministro della Salute, Roberto Speranza, e al ministro della P.a, Fabiana Dadone. L’obiettivo – spiega il sindacalista – è di coniugare una più efficace lotta al coronavirus ma anche di tutelare la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici”.
“Dalle nostre prime stime, direi che negli enti centralizzati il personale che sta svolgendo mansioni in smart working si attesta sopra il 60%, con punte dell’80-90% in alcuni enti, anche se questo non è un dato omogeneo”, dice. “Sono, infatti, ancora numerosi – rileva – i servizi pubblici e sussidiari che richiedono la presenza fisica dei dipendenti: si pensi, solo per fare alcuni esempi, ai doganali, agli agenti di polizia locale, a chi opera nei patronati e a chi eroga servizi di natura previdenziale e fiscale”. Per Petriccioli “questa situazione, sebbene rientri nella logica di dare continuità all’azione amministrativa in un momento complicato della vita del Paese, rischia di inficiare l’immenso sforzo delle lavoratrici, dei lavoratori e dei professionisti sanitari tutti”. (ANSA).

Condividi