Fabio Orsini – CISL FP LECCE: ” Proclamato lo stato di agitazione del personale di Neuropsichiatria Infantile”

Condividi :)

Facebook
Google+
http://www.cislfppuglia.it/2018/10/16/fabio-orsini-cisl-fp-lecce-proclamato-lo-stato-di-agitazione-del-personale-di-neuropsichiatria-infantile/">
Twitter

Proclamato lo stato di agitazione del personale di Neuropsichiatria infantile (NPI) della ASL di Lecce che presta servizio di integrazione scolastica in tutte le scuole della provincia di Lecce. Lo rende noto Fabio Orsini, segretario generale della Funzione Pubblica della Cisl di Lecce. Si tratta di una iniziativa presa in seguito al mancato riscontro degli accordi sottoscritti tra le organizzazioni sindacali e la direzione generale.

“Le motivazioni dello stato di agitazione – spiega Orsini – riguardano innanzitutto il mancato riconoscimento delle attività svolte dal personale. Si tratta di mansioni espletate in un ambito di stretta rilevanza come l’assistenza ai disabili nei plessi scolastici. Attualmente i 245 dipendenti vivono una incongruenza di fondo tra qualifica rivestita e mansioni realmente svolte. Gli operatori all’atto della stabilizzazione presso le ASL Lecce, sono stati inquadrati, infatti, con la qualifica di ausiliari cat.A, pur svolgendo attività come operatore socio sanitario.  La regione Puglia, a fronte di tale discrimine, ha inteso riqualificare il personale interessato con gli appositi corsi. Gli operatori, benché successivamente riqualificati, a tutt’oggi rimangono inquadrati nella qualifica di ausiliari specializzati pur continuando ad effettuare prestazioni sanitarie attinenti alla persona e attività assistenziali”.

“Con tale protesta chiediamo  il riconoscimento delle mansioni realmente svolte ed il relativo inquadramento nella categoria BS come operatore socio sanitario”.

“Auspichiamo  – conclude Orsini –  che la dirigenza generale e la scuola possano trovare una soluzione anche a carattere transitorio. Una conciliazione cioè che possa raffreddare l’attuale stato di agitazione e dare ai lavoratori risposte e tempi certi per la risoluzione della problematica”.

 

Condividi